Calcio e sex, quando il triangolo funziona

Due compagni di squadra nella Liga protagonisti di un sex tape con una avvenente ragazza

Calcio e sex, quando il triangolo funziona

Alvaro Luna e Sergio Enrich, due calciatori della Liga spagnola, in forza all’Eibar, sono stati protagonisti di un sex tape con una avvenente ragazza: gli scatti sono diventati subito virali nel web, non solo in Spagna ma in tutto il mondo.

foto-i-due-giocatori-mano-nella-mano

I due giocatori, anche immortalati da un fotoreporter mentre camminano mano per la mano in strada, si sono scusati con un messaggio sui social, facendo mea culpa per non essere stati di buon esempio nei confronti del club di appartenenza, con il video che li ritrae in un triangolo sessuale con la ragazza, ma hanno sottolineato che si trattava di un atto privato condiviso tra tutti e tre e non si capacitano di come sia avvenuta la diffusione sul web delle loro riprese amatoriali.

Questo il loro messaggio: Data la diffusione attraverso i social network di un video dal contenuto sessuale, nel quale appaiono i sottoscritti, intendiamo rendere chiaro il fatto che si tratti di una registrazione di un atto intimo e privato, compiuto tra persone adulte nel loro pieno consenso e nell’ambito della libertà di cui tutti godiamo.

Siamo profondamente dispiaciuti del fatto che un’azione poco discreta, della quale non siamo responsabili, abbia fatto in modo che queste immagini venissero alla luce a nostra insaputa e meno che mai con il nostro consenso.

Allo stesso modo, ci dispiace che la diffusione di questo video possa creare danni alla nostra immagine, ma specialmente a quella del club di cui difendiamo i colori, e che abbia potuto offendere i nostri tifosi e la città di Eibar in generale.

Siamo consapevoli del fatto che i calciatori professionisti debbano dare l’esempio in ogni ambito, soprattutto ai bambini, motivo per cui chiediamo scusa se questo incidente possa aver ferito qualcuno.

Chiediamo allo stesso modo di scusarci per il danno che la divulgazione del video possa causare alla terza persona coinvolta. Ribadiamo che, in qualità di giocatori dell’Eibar, un club esemplare che rappresenta una tifoseria e una città altrettanto encomiabili, noi riaffermiamo con forza di aderire ai valori che ci sono stati trasmessi fin dal nostro arrivo a Eibar. Speriamo che questo incidente non comporti nessun problema all’immagine del club né a quella dei nostri compagni di squadra.