Svizzera, messaggi d’odio sui manifesti di Love Life

Croci celtiche e scritte omofobe sui cartelloni per il sesso sicuro.

Svizzera, messaggi d’odio sui manifesti di Love Life

Lugano vi odia”. Questi i messaggi vandalici che hanno coperto ieri i manifesti della campagna di prevenzione delle infezioni sessualmente trasmissibili Love Life a Lugano, comune del Canton Ticino, per la campagna promossa dall’Ufficio federale della sanità pubblica per sensibilizzare alle malattie sessualmente trasmissibili. Il manifesto ritraeva una coppia di ragazzi e fa parte di una serie che rappresenta diverse coppie, sia omosessuali che etero.

I manifesti sfregiati, che erano affissi sotto all’Ospedale Civico di Lugano, hanno riportato oltre alla scritta omofoba una croce celtica, antico simbolo solare delle religioni nordeuropee risemantizzato in ambito politico dai movimenti di estrema destra. Questa trasposizione simbolica nella politica è volta a degenerare l’antica simbolo d’unione tra movimento celeste e pragmaticità in una “occidentalità” dell’Europa e delle proclamate “antiche tradizioni ariane” nei movimenti estremisti della destra europea.

La scritta d’odio è apparsa unicamente sui cartelloni che ritraggono una coppia gay. Marco Coppola, responsabile di Gayticino-Zonaprotetta  osserva come «si è sicuri che questi messaggi estremi di odio e discriminazione non facciano parte della cultura democratica della città e della maggioranza dei cittadini di Lugano ma fanno emergere quanto ancora esistano diffusi pregiudizi nei confronti dell’omosessualità e della bisessualità anche nel nostro Cantone».

immagine2La Svizzera, che ha visto nel 2004 l’adozione della norma legislativa sulle unioni civili, si è proclamata a favore anche nel referendum nazionale del 5 giugno 2005 sulla legge che ha visto il 58% degli svizzeri favorevole alle unioni civili, garantendo alle coppie dello stesso sesso gli stessi diritti e le stesse protezioni riconosciute a quelle eterosessuali ad eccezione dell’adozione e della fecondazione in vitro. Sono due i maggiori partiti schierati con la destra estremista tra cui i Democratici Svizzeri, Ds, che però ha un bassissimo livello di consenso e il Partei National OrientierterSchweizer, Pnos (LINK ), un partito estremista vicino agli ambientinazionalsocialisti.

 

La campagna di Love Life che con lo slogan “i partner cambiano. il sesso sicuro resta” vuole incentivare la consapevolezza nel rispetto delle norme di sicurezza per una sessualità consapevole, soprattutto visti i nuovissimi casi in aumento da malattie sessualmente trasmissibili. Coppola al seguito di questo gesto d’odio ha tenuto a sottolineare che « tutti insieme abbiamo il compito di combattere pregiudizi e forme di discriminazione, compito che Zonaprotetta continuerà ad assolvere con servizi e progetti rivolti alle persone lgbt per prevenire l’omofobia e il bullismo omofobico ancora troppo presenti».