La Disney Italia cambia titolo al film: troppi riferimenti a Moana Pozzi

Si chiamerà Oceania il film d’animazione in uscita nelle sale italiane questo dicembre.

La Disney Italia cambia titolo al film: troppi riferimenti a Moana Pozzi

Il prossimo film di animazione prodotto dal famosissimo castello di Walt Disney Animation Studios e diretto da Ron Clements e John Musker avrà una titolazione diversa per il pubblico italiano: da Moana a Oceania. Troppi, secondo la casa di produzione, i riferimenti alla pornoattrice Moana Pozzi. Per la casa divenuta famosa con Topolino è il  56esimo Classico Disney, sarà distribuito nei cinema statunitensi il 23 novembre 2016, mentre in Italia il 22 dicembre.

La trama di Oceania, qui il link al trailer, si concentra sul personaggio di Vaiana Waialiki, aka Moana, una vivace adolescente che intraprende un’audace missione nel tentativo di dimostrarsi un’esperta viaggiatrice, terminando così l’incompiuta ricerca dei suoi avi nelle isole di Oceania. Durante questo viaggio, Vaiana incontra il leggendario semidio Maui, con il quale attraverserà il mare aperto in un viaggio ricco di azione, affrontando enormi creature di fuoco ed ostacoli insormontabili. La modifica del nome della protagonista, da Moana che in lingua maori vuol dire “oceano” a Vaiana che letteralmente è traducibile con “acqua di grotta” è un passo indietro per la Disney che sembrava aver mosso i primi passi per l’inclusività dei suoi film d’animazione.

immagine2

La decisione di dissociarsi dall’idea del “porno” con un riferimento culturale, Moana Pozzi, di una generazione passata, sembra controverso. Moana Pozzi appartiene infatti al contesto socioculturale della generazione precedente rispetto al target del film Disney. In questi ultimi giorni, questa notizia sta rimbalzando sul web, nelle testate più autorevoli. Un esperto di marketing ha detto a Variety: «ci sono due motivi molto semplici per il cambio del titolo: prima di tutto se scrivi Moana e fai una ricerca Google in Italia, c’è il rischio che i primi risultati siano dei video porno. E sarebbe molto costoso, oltre che uno spreco di tempo, cambiare questi risultati. Secondo è che il nome Moana si collega subito a Moana Pozzi in ogni focus group italiano che abbiamo fatto».

La decisione per l’audience italiano sembra essere stata confermata dai social, che ricordano come sembra che la decisione sia stata interamente presa per distanziarsi dall’idea della Pozzi. Sono diversi e numerosi i motivi per cui un film all’estero cambia spesso il titolo. In Spagna la divisione delle major aveva spiegato che il nome del film è diventato “Vajana”, dato che “Moana” è un marchio registrato e quindi protetto da copyright. Molto probabilmente, invece, in Italia il cambio di nome è dovuto solo al fatto che avrebbe scatenato doppi sensi e battute e quindi un evidente calo degli introiti del film d’animazione.

La decisione del team Disney sul pubblico italiano riporta in vita lo spirito ribelle della Pozzi, i suoi ideali politici con “il partito dell’amore” e la lotta alla legalizzazione delle case d’appuntamento, per migliorare l’educazione sessuale e per la creazione di “parchi dell’amore”. E Oceania, film che si vuole distanziare dall’ideale del personaggio pubblico Pozzi, ma, soprattutto, dalla sua professione sembra ricadere sotto una delle più famose citazioni di Anna Moana Rosa Pozzi: «non ho mai provocato nessuno: faccio solo il mio lavoro».