Casamarciano, un esempio di comunità inclusiva

La bandiera arcobaleno, simbolo della lotta per i diritti della comunità Lgbti, sventola sul Comune: presentato il progetto“Hope” contro omofobia e bullismo

Casamarciano, un esempio di comunità inclusiva

comune-di-casamarciano

Casamarciano, Paese a due chilometri da Nola in provincia di Napoli, è un esempio di comunità inclusiva con i suoi 3.560 abitanti: la bandiera arcobaleno, infatti, simbolo della lotta per i diritti della comunità Lgbti, sventolerà sul Comune: presentato il progetto scolastico“Hope” per educare alle differenze nel contrasto all’omofobia e al bullismo.

Questa iniziativa educativa, promossa dal consigliere delegato alle Innovazioni, Pietro Tortora, sarà illustrato lunedì 9 gennaio alle ore 18 presso la sala consiliare del Municipio, alla presenza del sindaco Andrea Manzi, dell’assessore regionale alle Pari Opportunità, Chiara Marciani, del vicario generale della Diocesi di Nola, don Lino D’Onofrio, del deputato Massimiliano Manfredi, del presidente di Arcigay, Antonello Sannino, della consulente nazionale dell’Ufficio nazionale anti-discriminazione, Paola Di Lazzaro, del dirigente del Ministero della Pubblica istruzione, Ettore Acerra.

Il progetto si focalizzerà anche sulle esperienze dirette degli studenti in tema di discriminazioni perché non saranno solo coinvolti in lezioni dedicate ai due delicati temi dell’omofobia e del bullismo, ma anche messi in condizione di raccontare, in forma anonima e confidenziale, le proprie testimonianze. L’amministrazione si impegnerà su vari fronti: dalla esposizione della bandiera arcobaleno nella sede comunale all’adesione al movimento OmofobiaStop sino alla promozione di iniziative contro la discriminazione di genere.

sindaco-andrea-manzi-casamarciano

 

”La nostra amministrazione – ha sottolineato il sindaco Andrea Manzi – aderisce al progetto Hope con la consapevolezza che sono le istituzioni più vicine ai cittadini quelle che hanno il dovere di proporre confronti su queste problematiche. Casamarciano dice no all’omofobia ed alla violenza di genere, questo è solo il primo passo”.

Un impegno costante, quello del primo cittadino, per garantire pari diritti e opportunità alla sua comunità: La politica ha assunto, nel corso degli anni, un peso crescente nella mia vita. Dopo la laurea in giurisprudenza, ho coniugato l’impegno politico con la mia attività professionale, all’insegna del rigore e della moralità. Ho interpretato questo impegno con passione e coerenza, i miei ideali mai mutati nel tempo”.

 contro-ogni-violenza

Nel marzo 2016 si era tenuto, sempre presso la sala consiliare del Comune di Casamarciano, il convegno dal titolo “We can do it! – Aclinrosa” in cui era stato affrontato il tema della violenza sulle donne. L’evento  si inseriva in un progetto lanciato nel 2014 sul tema generale della violenza. Il progetto “Contro Ogni Violenza”, si propone ancora oggi, nell’hinterland campano, l’obiettivo della diffusione, dell’informazione e della sensibilizzazione sui temi riguardanti la violenza di genere, il fair play, la famiglia.

libro-donne-pericolose

 

Il 15 dicembre scorso è stata, invece, ospite in Comune la giornalista e scrittrice Cinzia Tani  (nota al grande pubblico per i numerosi programmi di approfondimento sui più intricati casi di cronaca nera) per presentare il suo libro Donne pericolose”, edito da Rizzoli (quindici storie di donne intrepide, che hanno combattuto per l’avventura, per denaro o per amore durante la Prima e la Seconda Guerra Mondiale, perché spesso quelle storie d’amore sono il motore nascosto di grandi eventi storici. Soprattutto se a innamorarsi sono donne che hanno avuto un ruolo importante nello spionaggio del Novecento),

panchina-rossa

in concomitanza con l’iniziativa delle panchine rosse installate nei comuni di Casamarciano (borgo di Santa Maria del Plesco), Cicciano (centro Nadur) e Camposano (viale Marconi): il colore rosso, non solo espressione della passione, ma in questo caso per esprimere dolore nel ricordare tutte le donne vittime di violenza, la panchina come simbolo di riflessione, incontro e confronto tra le persone.